Le crepe – Franca Grisoni


 
 
Le crepe
Franca Grisoni
Pagine 120
Prezzo 13 euro
ISBN 978-88-94944-39-6
 
 

 
 

Nell’abitazione letteraria di un linguaggio natio Franca Grisoni esprime una continuità di scrittura e toni rari nel panorama poetico contemporaneo. Sempre fedele a se stessa tra accenni sfioratamente sapienziali, tenerezze che affondano nel mistero dell’esistere e del dolore, testimonianze di consapevolezza dell’intreccio di una vita in bilico tra luce e voce e in continua aspirazione al bello, ogni testo tende all’affinamento di un’identità non liquida, ma continuamente germinante. Una poesia di riflessione e interrogazione che nel dialetto restituisce pagine di profonda e delicata umanità, che resta e si riconosce in un io inclusivo, nonostante il mondo.

 
 
 
 
 
 
 
 
Ma quacc pusibui
dale matite en vas!
le töte möte
le töte pronte
lure a doprat.
Lé, töte ’nsema
– tignide come mas
proncc a fiuriser –
ma giöna a giöna
íde per regal.
 
Dela matita
negra sura al bianc
e l’è la ponta
a reclamà la ma.
I occ i sculta
la furma nel sò fas
ma gnaca ’n segn
de sc-iop nel negher
del sò lamp.
Vergot s’è scaricat
ma apena i dicc
i è restacc strinacc.
 
 

Ma quanti possibili / dalle matite in vaso! / le tutte mute / le tutte pronte / loro a usare te. / Lì tutte assieme / – tenute come mazzi / pronti a fiorire – / ma una a una / avute in dono. // Della matita / nera sul bianco / ed è la punta / a reclamare la mano. / Gli occhi ascoltano / la forma nel suo farsi / ma neanche un segno / di boato nel buio / del suo lampo. / Qualcosa si è scaricato / ma solo le dita / sono rimaste strinate.

 
 
 
 
 
 
Gh’è chi gh’à ’mparat.
Gh’è chi gh’à ’nsegnat.
Ma a olte, a olte
nel nöf le va le ma
e me le varde
e vede el vöt spalancat
che ’l va a ’n sò da fa
a ’na qualc vita scundida
che toca sul spetà
a ’n qualc gnamó
che forse, forse,
el se darà al mèi
töt sò che mai
gh’ares enduinat
che forse, forse,
dal sò büs negher,
forse, söl bianc
el podares aca bötà.
 
 

C’è chi ha imparato. / C’è chi ha insegnato. / Ma a volte, a volte / nel nuovo vanno le mani / e me le guardo / e vedo il vuoto spalancato / che va a un suo da fare / a una qualche vita nascosta / che tocca solo aspettare / a un qualche non ancora / che forse, forse, / si darà al meglio / tutto suo che mai / avrei indovinato / che forse, forse, / dal suo buco nero, / forse, nel bianco / potrebbe anche germogliare.

 
 
 
 
 
 
A olte el salta el lastic
che té l’orghen stricat
s-ciopa la piena
e vene e gula e occ
i basta mia al sanc
e ucurares ’na pena
e carta, carta tanta
carta che süghes el trop,
da fan ’na bala
da pudì scartà
a s-ciopetà nel föc
bu de scancelà.
 
 

A volte salta il laccio / che tiene l’organo strizzato / scoppia la piena / e vene e gola e occhi / non bastano al sangue / e occorrerebbe una penna / e carta, carta tanta / carta che asciughi il troppo, / da farne una palla / da poter scartare / a scoppiettare nel fuoco / capace di cancellare.