VITA D'UN EDITORE

17

Mag 22

Giornata di lavoro che ha rasentato la follia. La promozione per il Salone del Libro di Torino sta andando a mille. Il lavoro in SEF pure, necessariamente impegnativo in questo periodo.

16

Mag 22

Ennesima giornata con privazione di sonno. Purtroppo in questo lavoro accadono periodi tranquilli e periodi in qui la giornata sembra non bastare. La mattina in magazzino e a mandar libri via Ups (un’autrice che ha avvisato di un evento questo sabato… e ha avvisato oggi!!!!). Pomeriggio a risolvere un piccolo inghippo al Festival della Letteratura Verde per un evento che non raggiunge le tre poete. Preparata la ristampa di Affrontare la gioia da soli di Francesco Tomada (Samuele Editore-Pordenonelegge, 2021, collana Gialla Oro). Ma anche giornata con due grandi soddisfazioni: è uscito il Comunicato Stampa di Pordenonelegge al Salone del Libro di Torino e “Laboratori critici” è l’evento d’apertura. E la libreria che ha ospitato questa stagione di Una Scontrosa Grazia (per cui abbiamo già richieste di inserimento) ha acconsentito a continuare anche per la prossima e, addirittura, chiede di fare il bis in un’altra sede. Cosa che purtroppo non credo sarà possibile. Infine ho assegnato i libri da recensire su Laboratori Poesia per uno speciale sul Salone del Libro. Lo so, in ritardo, ma la redazione di Laboratori è eccellente. Come sono in ritardo sono anche su BookCity 2022.

15

Mag 22

Oggi quasi concluso il programma del Festival della Letteratura Verde. Accadrà a Porcia il 19 giugno, e quest’anno vedrà una presenza più importante della narrativa. Inoltre il progetto dei #foglidipoesia riprenderà e si legherà alle #vetrine poetiche di Panorami Poetici. Un unico grande progetto per due festival. Oggi inoltre altra grande soddisfazione: Mal di maggio di Antonio Lillo (Samuele Editore, 2022, collana Scilla, prefazione di Francesco Tomada) tra i 5 libri più letti di SoloLibri.

14

Mag 22

Altra giornata intensa di programmazione per il Salone del Libro di Torino e per il Festival della Letteratura Verde. Un’ottima notizia: hanno parlato di noi sul Sole 24 ORE. Quando una redazione funziona, il gruppo di lavoro è capace di miracoli.

13

Mag 22

Penultimo appuntamento oggi con Una Scontrosa Grazia. Ottimo incontro tra Giovanni Fierro e Claudio Damiani. Inviata anche la Newsletter, questa settimana enorme.

12

Mag 22

Giornate intensissime di presentazioni. Ieri Cesare Lievi ha presentato Le crepe di Franca Grisoni (Samuele Editore-Pordenonelegge, 2021, collana Gialla Oro) a Salò. Oggi ho presentato io stesso Nella consuetudine del tempo di Luisa Delle Vedove (Samuele Editore, 2021, collana Scilla, prefazione di Luigia Sorrentino) a Manzano ad Aspettando la Notte dei lettori. Sono stato ad ambedue gli eventi e in ambedue non c’era moltissima gente: una decina circa. I chilometri fatti quasi 800. A volte mi domando per quanto tempo ancora riuscirò a reggere, a livello di soldi, forze e privazione di sonno (di ritorno da Salò ho dormito solo due ore, cosa abbastanza consueta anche se non a questi livelli, dato che mi sveglio ogni giorno tra le quattro e le cinque di mattina, senza contare che per portare avanti tutto lavoro anche per un’azienda di finanza agevolata, la SEF Consulting), questo ritmo. Senza dimenticare la Newsletter della Samuele Editore: questa settimana 17 novità tra eventi, recensioni, reportage fotografici, segnalazioni. Molto mi ha fatto piacere il contatto dell’amico Tiziano Broggiato che per sé e per un suo amico chiede del prossimo programma di Una Scontrosa Grazia. Negli anni la Scontrosa è diventato un punto di riferimento non solo triestino, ma nazionale, anche se questo vuol dire che spesso non possiamo acconsentire alle richieste di venire a presentare. Abbiamo poche date, post pandemia ci siamo calibrati su una al mese. Abbiamo molte richieste e ancor di più sono i libri che ci interessa presentare. Domani ad esempio avremo un altro grande amico: Claudio Damiani con il suo Prima di nascere (Fazi 2022) che, come di consueto, prima di Trieste viene recensito su Laboratori Poesia (presentazione a firma di Gisella Blanco, QUI).

10

Mag 22

Comincia oggi la programmazione della promozione sia di Laboratori critici sia di Miglior acque. Torino si avvicina e anche lì i preparativi sono molti, oltre alla settimana che ci aspetta con le diverse presentazioni (una al giorno). Sul Piccolo Mary Barbara Tolusso ha scritto estesamente sul prossimo appuntamento con Claudio Damiani a Una Scontrosa Grazia. Come sempre è gentilissima. Mentre ieri su Repubblica di Milano Maurizio Cucchi ha scritto su Le crepe di Franca Grisoni (Samuele Editore-Pordenonelegge, 2021) che presenteremo domani a Salò. Arrivata infine in serata la grafica del Festival della Letteratura Verde, e si comincia a chiudere il programma.

9

Mag 22

Giornata tutta dedicata all’ultimissima revisione di Laboratori critici e alla messa in stampa. Mandare al tipografo è sempre un atto drammatico, un gesto con implicazioni imprevedibili. La contrattazione per il prezzo non sempre è facilissima (pur avendo noi un tipografo molto molto bravo). L’ansia del refuso è a mille. Cercate le promo dei migliori libri da inserire, e siamo soddisfatti. Poi pomeriggio dedicato al magazzino e alla messa in distribuzione dei nuovi titoli

7

Mag 22

Giornata tutta dedicata alla rivista Laboratori critici e all’evento di Bologna in Lettere. Carino quest’ultimo, nulla da dire. Ritrovati diversi amici, ex amici, e chiesto anche un manoscritto per valutazione perché si, oltre alle collane Scilla e Callisto (la neonata Leda ha un percorso tutto suo) stiamo già pensando alle collane Gialla e Gialla Oro 2023 (il progetto editoriale che condividiamo con pordenonelegge). Nonostante il sabato anche diverse call di confronto sulla persona da inserire in Laboratori critici. Avevamo scelto un redattore di punta di Laboratori Poesia, a cui avevamo anche dato un articolo importantissimo su Laboratori critici. Ma stiamo un po’ tornando indietro sulla nostra decisione. Purtroppo non è facile vivere in un mondo sempre in bilico, e che ti chiede sempre di scegliere, tra popolarità e qualità, tra ego e bottega. Aver la possibilità di fare una cosa non sempre implica il farla. Non esiste automatismo e l’ego, l’autoreferenzialità o anche solo il bisogno d’essere riconosciuti, apprezzati, il non volersi mettere in discussione, sono spesso le crepe nel terreno che fanno inciampare in un burrone. Non bisogna farsi ammaliare dalle luci della ribalta, da chi ti cerca per ottenere, ma seguire chi ti critica per farti crescere. Non è facile trovarsi alle 11 di sera del sabato a dover discutere al telefono di questo. Ma è l’etica che ho scelto per la Samuele Editore. Ci sono guadagni e ci sono perdite, grandissime attestazioni di stima e accoltellamenti alle spalle, lo so. Ma questo è necessario fare. Perchè un Editore non fa solo libri.

6

Mag 22

Giornata particolarmente difficile. Spesso gli autori poco comprendono lo stress, il logorio, le notti insonni, le preoccupazioni, l’ansia (e non solo da prestazione) che c’è dietro al lavoro di un Editore. Notte passata in bianco a impaginare la rivista. Viene ottima, ma veramente stiamo arrivando troppo tardi. So bene che è normale, ma la crescita degli ultimi due anni della Samuele Editore è stata pazzesca, e questa rivista è stata un’ulteriore scommessa dove ci siamo giocati tutto: credibilità, reputazione, soldi. Sembrerà sciocco, ma il budget di una Casa Editrice rasenta il ridicolo, non di rado il cibo spazzatura che costa poco per tirare avanti, o come diceva la mia amica Chiara De Luca (autrice e ottima editrice anche lei, anche se ormai un poco scomparsa dalle scene professionali…) sempre le stesse scarpe perché non ci sono i soldi nemmeno per quelle. Gli autori pensano l’Editore come una banca che produce soldi e libri. Siamo invece degli artigiani che ogni tanto piangono per lo stress, le porte chiuse, i fallimenti, le tasse e i progetti (belli e/o rischiosi che siano). Ricordate: quando prendete un libro state comprando anche questo, non solo l’opera d’ingegno (che resta comunque il focus importantissimo) di un autore. Oggi quindi ho dovuto alzare la voce, sbattere i pugni sul tavolo, e mi è dispiaciuto. Non ne sono pentito, come uomo devo ammettere che mi manca un padre a cui chiedere consiglio, ma come Editore ho ben chiara la visione del lavoro che ho scelto. E me ne assumo anche i rischi. Ci siamo però imbarcati in un progetto che ci è esploso tra le mani, di cui non pensavamo nemmeno noi arrivasse a tanto e in così poco tempo. E dobbiamo imparare a stargli dietro. Poi sono arrivati i libri, finalmente, e mentre correvo in autostrada fatte diverse call (santo telefonino) per organizzare le presentazioni. A livello di eventi oggi avevamo Villavarda e Castelfiorentino. Io sono andato a Castelfiorentino, mentre il mio amico Roberto Cescon ha curato Villavarda. Anche se, a dirla tutta, per un imprevisto non sono nemmeno arrivato a Castelfiorentino, pur avendone toccate le porte. Capita, per fortuna Massimiliano Bardotti ha condotto egregiamente la presentazione (di Prima della voce di Paolo Parrini, collana Callisto, prefazione di Annalisa Ciampalini). Mi rifarò la prossima volta.

5

Mag 22

Giornata di aggiornamento del sito e di moltissime telefonate. Domani si parte per Castelfiorentino e poi Bologna, e le cose da preparare sono molte. Continua inoltre, un po’ in ritardo, l’impaginazione della rivista Laboratori critici In diversi mi chiedono quando sarà disponibile: lo ribadisco, al Salone del Libro di Torino. Il ritardo crea qualche difficoltà, ma dona anche qualche opportunità. parleremo infatti anche di Ivano Ferrari (un bell’articolo di Mary Barbara Tolusso) quanto di Biancamaria Frabotta, scomparsi in questi giorni. Con il direttore responsabile della rivista Matteo Bianchi abbiamo deciso di assumere una risorsa in redazione, per i momenti più complessi e intensi.

4

Mag 22

Periodo di lavoro pesantissimo. Ma normale. Torino si avvicina e tra i libri che tardano ad arrivare, la rivista in preparazione, gli eventi da programmare, c’è poco anche da respirare. Fatti comunque i vari Comunicati Stampa, aggiornato il sito, pubblicato il programma di Panorami Poetici, valutata una proposta per il Festival della Letteratura Verde, lanciati gli eventi Facebook al Salone del Libro di Torino, inviato il programma per il nostro evento alla Notte dei Lettori (dove avremo un’interessantissimo incontro tra Gianni Moroldo, Ulderica Da Pozzo e Luigi Maieron), e via dicendo.

3

Mag 22

Oggi è stata una giornata intensa e terribile. Iniziata con un fraintendimento, poi risolto (perché appunto di solo fraintendimento si trattava) ha continuato con la chiusura del programma e della locandina di Panorami Poetici fino alla notizia, tremenda, del tentato suicidio di una poetessa pugliese che vive a Roma. Seguiamo con apprensione la vicenda.

2

Mag 22

Nuntio vobis gaudium magnum: abbiamo la foto testimonial per il Festival della Letteratura Verde 2022!!! Oggi quasi chiuso il programma di Panorami Poetici, che tra le altre cose vedrà un confronto sulla poesia tra Gian Mario Villalta e Alberto Bertoni, e registriamo la ripartenza dell’Associazione degli Editori Friulani. Una buona giornata, segnata anche dall’articolo di Maurizio Cucchi su Piazzale senza nome di Luigia Sorrentino (Samuele Editore-Pordenonelegge, 2021, collana Gialla oro) su Robinson.

30

Apr 22

Giornata di lavoro sul programma di Panorami Poetici, da consegnare al Comune di Spilimbergo. E iniziato a elaborare l’immagine del testimonial per il Festival della Letteratura Verde. Ricevuta inoltre un’interessante telefonata da Maurizio Cucchi. Abbiamo un po’ riflettuto sul libro ultimo di Valerio Magrelli e sull’operazione che sta portando avanti Donzelli. Essere Editore è anche questo confrontarsi.