Dal sottovuoto su Il Fatto Quotidiano del 5 luglio

 

Poesia, la risposta intelligente alla quarantena è un’opera collettiva

da Il Fatto Quotidiano

 

Nessuno abbia sintomi, vi chiedo/ non tossite né si alzi la febbre/ rimanete al vostro posto./ Non crediate nella malasorte/ ché l’amore, da queste parti aiuta./ Nessuna retorica, non c’è confine/ per quanto possiate dubitare/ voglio pregarvi salvi/ questo non lo potete impedire.

Questo breve componimento di Nicola Bultrini fa parte de Dal sottovuoto. Poesie assetate d’ariaun volume collettivo curato da Matteo Bianchi (ed edito da Samuele Editore) che raccoglie le liriche di quaranta grandi poeti italiani che hanno risposto alla quarantena in versi.

Come scrive lo stesso curatore: “L’isolamento imposto dalla pandemia ci ha forzato a limitare la nostra autonomia, mettendone in discussione il concetto stesso. Essere privati delle piccole libertà quotidiane in una società che consideriamo tanto emancipata ha messo in crisi le libertà che l’Occidente si prende da secoli nei riguardi del resto del mondo”.

Un’opera collettiva è senza dubbio una risposta intelligente, e logica, in questo frastornante quotidiano che ci ha visto, obbligatoriamente, allontanarci gli uni dagli altri per un’intera stagione. Nessuna barriera di stile, nessun paletto generazionale. Le parole di Mary Barbara Tolusso, Gabriella Sica, Elio Pecora, Francesco Forlani, Franco Arminio, Giovanna Rosadini, Valerio Magrelli, Anna Maria Carpi, Tiziano Scarpa, Franco Buffoni, Maurizio Cucchi (tra gli altri) convivono felicemente, si intersecano solide, tramutano in musicalità e ritmo narrativo le paure amplificate dai media e le aspettative negate giorno dopo giorno, i corpi affievoliti dall’inerzia, il lutto, la speranza, i ricordi, il futuro.

Lorenzo Mazzoni

Continua su Il Fatto Quotidiano