“Degli amorosi respiri” di Ludovica Cantarutti

"Degli amorosi respiri" di Ludovica Cantarutti

 

 
 

La pelle sfiora
le orazioni laiche e
mi resta al polso solo
l’orologio dal cinturino di velluto nero
ma non segna il divenire
Pur se non dici nulla
sei l’uomo del mio sale
Così del vecchio assiro
conservo e proteggo il boccone
che intreccia le nostre vite
                                         Ludovica Cantarutti