Nuviçute mê e sûr – Stefano Montello

canticodeicantici_(1024_x_768) (2)

 

Nuviçute mê e sûr
Stefano Montello

Samuele Editore 2016, collana Scilla
prefazione di Mario Turello
copertina di Rachel Slade

pag. 62
Isbn. 978-88-96526-74-3

 
 

Intorno al 90 d.C. a Jabneh, o Jamnia, si tenne un’assemblea (un concilio) di rabbini in cui si discusse non tanto dell’introduzione, quanto del mantenimento nel tanakh di alcuni libri, o della loro eliminazione; si giunse così alla chiusura definitiva del canone ebraico. Tra i testi in questione c’erano il Cantico dei cantici e il Qoelet (i due libri più “scandalosi”: Renan li definisce «un libretto erotico e un opuscolo di Voltaire nascosti tra le grandi pagine di una biblioteca di teologia»). Le riserve nei confronti del Cantico furono spazzate via dall’autorevolissimo rabbi Aqiva con delle affermazioni davvero sensazionali: «In Israele nessuno ha mai contestato che il Cantico dei cantici sporca le mani (cioè è sacro, al punto che neppure i rotoli su cui è scritto vanno toccati: chi legge la Torah tiene il segno con lo yad, la manina d’argento) perché il mondo intero non ha tanto valore come il giorno in cui fu dato a Israele il Cantico dei cantici; tutti gli altri libri sono santi, ma il Cantico dei cantici è il Santo dei santi». Ma non è privo di significato il fatto che Aqiva in quell’occasione deprecasse il fatto che il Cantico venisse cantato nelle osterie: c’era dunque una sua ricezione “letterale” profana, verosimilmente licenziosa. […] Della traduzione di Ceronetti ha tenuto conto Stefano Montello per questa sua traduzione, oltre a quelle della Bibbia Cei, della Tilc e, naturalmente, della Bibie di Antonio Bellina. E diciamo subito che anche per lui quella del Cantico è essenzialmente poesia erotica, ma le riconosce anche una intrinseca sacralità, e non si spinge alla franchezza “scandalosa” di Ceronetti (o ai lubrichi doppi sensi di Martin Lutero!). Ho detto traduzione, ma traduzione propriamente non è: ri-Scrittura, piuttosto, per usare il termine coniato da Piero Boitani: riscrittura della Scrittura. In ogni caso, l’una e l’altra, traduzione e ri-Scrittura, implicano tanto un’interpretazione, un’ermeneutica, quanto un adattamento, poetico o narrativo che sia. Questa però non è soltanto una versione in friulano: Montello, da musicista qual è, ha voluto rendere il Cantico secondo le forme, i metri e i ritmi propri della villotta (quartine di ottonari): un’ulteriore costrizione, oltre a quella linguistica. Ma, come insegna l’Oulipo, le contraintes – i vincoli, le regole – sono motori di creatività.

Mario Turello

 
 

I

 
 
Cjante da lis Cjantis che e je di Salomon
 
 
Bussimi cun la tô bocje
dâmi di bevi a lo tô bocje
il to amôr l’è miôr dal vin
jo o voi bevi a la tô bocje
 
 
Un nulôr e je la to piel
la respiri cul to nom
il to nom al è un ongjnt
che al fâs zavariâ lis frutis
 
 
Su, strissinimi cun te
tes tôs stanziis o jentri, o re
il to amôr plui che no il vin
al fâs zavariâ lis frutis
 
 

Scure o soi epur ninine
oh fiis di Jerusalem
plui des tendis di Qedar
dai tapêts di Salomon
 
 
Su, non stait cjalâmi mâl
il soreli mi à brusade
i miei fradis son rabiôs
la mê vigne no ài cjalade
 
 
Amôr gno, dîmi indulà
sul misdì puartistu il trop?
jo o zorni, ài un vêl sui vôi
in mieç al grun dai tiei compagns
 
 

Coro

 
 
Se pardabon no tu lu sâs
oh tra lis puemis la plui biele
cîr lis olmis des cjavrutis
dongje lis cjasis dai pastôrs
 
 

Lui

 
 
A la puiere plui preseade
di chei cjars dal Faraon
tu tu mi sameis, Amie mê
jo i ti samei, Amie mê
 
 
A son biei i tiei pumui
tra i rincjns e lis golainis
il to cuel al’è un coral
tra i corai sul chel to cuel
 
 
Nô par te o fasarìn
rincjns d’aur e golainis
lavorâts cun fîl di arint
nô par te o fasarìn
 
 

Je

 
 
Tant che il re l’è al so ripâr
il gno profum si slargjie
il gno profum si slargjie
tant che il re l’è al so ripâr
 
 
Il gno Ben al è par me
tant che un sachitut di mire
indurmidît l’è l’Amôr gno
poiât te cove dai miei mêi
 
 
L’è un rap di hennè chel Amì gno
des teracis di En-ghedi
l’è un rap di hennè chel Amôr gno
dai vignâi di En-ghedi
 
 

Lui

 
 
Pardabon tu tu sês biele
Amie mê, tu tu sês biele
i tiei vôi a son colombis
Amie mê trop sestu biele?
 
 

Je

 
 
Joi ce biel che tu tu sês
Amôr gno trop sestu biel?
il nestri iet al’è di flôrs
Amôr gno tu tu sês biel
 
 
La nestre cjase, sì, la nestre
si sosten cul len di cedri
la nestre cjase o sin jo e te
e il sufit l’è len di bosc
 
 
 
 
 
 
 
 

LIBRO REALIZZATO PER
Percorsi diversi sul fiume Stella
un viaggio fra storia, cultura e bellezza lungo oltre 500 anni

UN’INIZIATIVA
Progetto Integrato Cultura del Medio Friuli

CON IL SOSTEGNO
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

E
Banca di Credito Cooperativo di Basiliano

IN COLLABORAZIONE
Pro Loco La Tor Belgrado di Varmo
Agjenzie Regionâl pe Lenghe Furlane – ARLeF
Azienda Speciale Villa Manin

MEDIA PARTNER
Radio Onde Furlane

DIREZIONE ARTISTICA E ORGANIZZATIVA
Gabriella Cecotti

 
 

Essere il Progetto Integrato Cultura significa appartenere a quel gruppo di 14 comuni del Medio Friuli che elaborano e realizzano progetti e percorsi culturali assieme, perché non c’è senso nel crescere da soli
www.picmediofriuli.it – pic@comune.codroipo.ud.it – tel. 0432.824681